Chiara Nicolosi

Livorno

Double Exposure © Chiara Nicolosi

Chiara Nicolosi affronta l'idea di paesaggio legato al transito e allo spostamento, attraverso la serie di scatti a colori dal titolo Double Exposure, iniziata a partire dal 2014, che si pone come elemento di condivisione tra lo spazio reale e quello intimo e personale legato al ricordo. É proprio l'elemento temporale ad arbitrare lo svolgimento della visione che per mostrarsi nella sua complessità formale ha bisogno di tempi e ritmi precisi ma soprattutto l'aspetto che maggiormente colpisce di questo ordinato caos è la simultaneità della quale lo scatto si avvale.

L'idea che le foto suggeriscono vive all'interno dell'annullamento della sua temporalità, lasciando convivere nello stesso spazio dell'immagine durate multiple azzerate, per fondare nel presente la forma finita di un paesaggio reale nelle sue componenti ma completamente falsato dalla tecnica.

 

Fotografa freelance, Chiara Nicolosi è nata a Livorno nel 1984 e laureata nel 2012 nella laurea specialistica in Cinema, Teatro e Produzione Multimediale. Dal 2010 insegna Storia e Tecnica della Fotografia presso l'associazione Factory e presso alcune scuole medie e superiori di Livorno.

"La mia passione per la fotografia inizia già ai tempi del liceo: fotografavo qualsiasi cosa e raccoglievo fotografie che trovavo sui giornali o su internet, che mi colpivano per i colori, le forme, i ritratti, la moda. Anche adesso fotografo tutto ciò che mi circonda, ma nel mio percorso creativo ci sono sopratutto l’autoritratto e la street-photography, in cui colgo momenti, gesti, situazioni non prevedibili della vita di tutti i giorni, con composizioni semplici ed essenziali. Essere al tempo stesso artefice e protagonista assoluta dello scatto significa elaborare un'immagine nell'istante in cui avviene la mia performance, vissuta sia a livello fisico che emotivo.

In questa continua sperimentazione artistica, dove immortalo un momento difficile da prevedere, non mi è possibile conoscere con precisione quale sarà il risultato finale e ciò rende il lavoro una sfida personale, un gioco, provocando sorpresa ma anche giudizio, consapevolezza e percezione. Oscillando, camminando o ballando davanti all'obiettivo, proprio come in una performance, e sfruttando le possibilità del mezzo fotografico con le lunghe esposizioni, ottengo un'immagine evanescente ed indefinita, in cui le forme del mio corpo perdono consistenza e si moltiplicano. La realtà viene annullata dai lunghi tempi di posa e da uno sfondo completamente scuro per essere ricreata in una prospettiva intima e personale, leggera e fluttuante. La mia ricerca artistica vuol suscitare nello spettatore determinate reazioni ed emozioni e per far questo utilizzo elementi dal forte impatto visivo ed emotivo: l'imprevedibilità, il mosso, l'essenza dei colori e la scelta di gesti e pose eleganti, sfuggenti, spesso malinconiche."

All pictures are copyright © by Chiara Nicolosi  |  Official Website

share